La coltivazione del pistacchio

Il pistacchio, rustico e di facile coltivazione

Il pistacchio (Pistacia vera) è una pianta appartenente alla famiglia delle Anacardiacee. E’ originario degli altipiani freddi e siccitosi dell’Iran dove cresce anche a 3000 metri di altezza. I frutti possono essere consumati freschi o tostati, oppure impiegati in pasticceria, in gelateria e in salumeria (per la produzione di mortadelle).

La coltivazione del pistacchio non presenta particolari difficoltà, ma richiede un po’ di pazienza in quanto entra in piena produzione solo molti anni dopo l’impianto. Per una produzione a scopo di reddito servono grandi estensioni e capitali da investire, ma a scopo hobbistico il pìstacchio può essere coltivato anche in un orto familiare o in un giardino.

coltivazione del pistacchio

CARATTERISTICHE BOTANICHE

Il pistacchio è un albero di notevoli dimensioni, molto longevo e impiega 15 anni dall’impianto prima di entrare in piena produzione (anche se i primi frutti si possono raccogliere già dopo 5 – 6 anni). E’ una pianta dioica: significa che esistono piante maschili e piante femminili. Sono le piante femminili a portare frutto, ma è necessaria la presenza di almeno 1 pianta maschile ogni 5 – 6 piante femminili, per consentire l’impollinazione dei fiori e la formazione dei frutti. Fiorisce ad aprile – maggio e fruttifica da fine agosto ad inizio ottobre.

ESIGENZE AMBIENTALI

Il pistacchio resiste bene alla siccità, al freddo e agli sbalzi di temperatura. Non ha particolari esigenze idriche, quindi non è necessaria l’irrigazione. Solo al primo anno di impianto può essere necessario irrigare saltuariamente le piantine. Si adatta bene a tutti i tipi di terreno anche se poveri e sassosi. I terreni ideali sono però quelli argillosi, dove si avranno le migliori produzioni.

COLTIVAZIONE

Preparazione del terreno

Per le coltivazioni a livello professionale vengono effettuate specifiche lavorazioni profonde, ma per un impianto familiare è sufficiente scavare alcune buche, profonde 40 – 50 centimetri, nelle quali verrano trapiantate le piantine. Sul fondo della buca si può mettere del letame maturo. Essendo una pianta molto rustica non sono necessarie lavorazioni particolari.

Impianto

Le piantine acquistate dai vivai per l’impianto sono già innestate su altre specie di pistacchio che non portano frutti ma vengono usate solo come portainnesto in quanto migliorano le caratteristiche produttive. Nella preparazione delle buche per l’impianto tenete presente che tra una pianta e l’altra ci dovrano essere 6 – 7 metri, per permettere lo sviluppo, che può essere notevole. Ogni 5 – 6 piante femminili dovrà essere presente una pianta maschile.

Cure colturali

In una coltivazione familiare la potatura si limita all’asportazione dei rami secchi o malati e dei polloni (rami che si sviluppano alla base della pianta e che vanno tagliati). La concimazione non è necessaria, e non sono richiesti trattamenti antiparassitari. Dato che sopporta bene la siccità non ha bisogno neanche di irrigazione.

I pistacchi entrano in produzione al quarto anno dall’impianto, ma con una resa limitata. Le produzioni aumentano a partire dal settimo – ottavo anno, ma bisogna attendere il quindicesimo anno prima che entri in piena produzione. A questo punto da un ettaro si avranno rese di 6 – 8 quintali di pistacchi.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

RACCOLTA E CONSERVAZIONE

La raccolta avviene con facilità. I pistacchi cadono a terra a seguito della minima vibrazione, quindi basta scuotere i rami per poter raccogliere i frutti caduti. Il periodo di raccolta inizia a fine agosto quando il mallo (contenente il pistacchio) assume una colorazione rosso vinaccia ed inizia ad aprirsi.

Dopo la raccolta i frutti devono essere liberati dalle foglie e dal mallo che ne avvolge il guscio e lasciati asciugare al sole per eviatare che si sviluppino muffe.

AVVERSITA’ E DIFESA

Il pistacchio non teme particolari avversità. Possono rappresentare un problema solo le gelate tardive e i venti molto forti. Occasionalmente può essere colpito dai funghi fogliari septoria (Septoria pistacie) e alternaria (Alternria alternata). Tra gli insetti ricordiamo il coleottero foragemme (Chaetoptelius vestitus). Raramente però queste avversità possono rappresentare un problema.

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Frutticoltura. Contrassegna il permalink.

5 risposte a La coltivazione del pistacchio

  1. Arbri scrive:

    Buongiorno , volevo sapere se il pistacchio in Albania cresce?

    • Stefano82 scrive:

      Direi di sì, in quanto non ha un clima estremo e il pistacchio è abbastanza rustico. Attualmente però l’Albania non è un paese produttore di pistacchi.

  2. Giuseppe Pentimone scrive:

    Buongiorno x attivare una azienda di pistacchio a chi bisogna rivolgersi e se ci sono finanziamenti al riguardo

  3. maria grazia scrive:

    Salve,abbiamo piantato piantine di pistacchi due anni fa, 5 femmine e 1 maschio. Le femmine stanno sviluppando bene il maschio è lentissimo, da cosa può dipendere? Grazie.

  4. alessandro scrive:

    Salve, leggo nell’articolo che sono ideali i terreni argillosi. Gentilmente, mi saprebbe dare qualche informazione tecnica a supporto di tale affermazione. Grazie in anticipo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *